Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

winterlake1.jpgwinterlake10.jpgwinterlake2.jpgwinterlake3.jpgwinterlake4.jpgwinterlake5.jpgwinterlake6.jpgwinterlake7.jpgwinterlake8.jpgwinterlake9.jpg

TouchSchool

Piano operativo

Premessa
La Camera di Commercio di Como e l'Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia – Ufficio XII di Como hanno condiviso l'opportunità di coordinare e valorizzare le iniziative esistenti sul territorio comasco in tema di sviluppo di modelli didattici innovativi, mirate in particolare all'alfabetizzazione informatica e alla conoscenza delle lingue straniere. (lettera d'intenti sottoscritta il 20 giugno 2012)
In questo contesto nasce il progetto TOUCHSCHOOL.

 


Obiettivi del progetto
Touchschool si articola su quattro obiettivi:

  1. realizzazione di una piattaforma on-line: portale Touchschool;
  2. formazione docenti;
  3. educazione dei giovani ad un uso critico e positivo della tecnologia;
  4. scuola & Expo2015.

La lingua inglese sarà veicolante per la realizzazione dei diversi obiettivi.
Tutte le iniziative saranno collegate alla sperimentazione e allo sviluppo di innovativi ambienti di
apprendimento attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, al fine di contribuire al miglioramento del successo scolastico e terranno conto dell'eventuale possibilità di integrazione con le attività che il territorio comasco intende promuovere nell’ambito di Expo2015.

 

 

Portale Touchschool

Nell'ottica della valorizzazione e del miglioramento dell’azione didattico/formativa del sistema scolastico provinciale si propone la realizzazione di una piattaforma on-line.
Obiettivi principali:
· Pubblicazione dei progetti effettuati (Web 2.0, nonni su Internet, etc)

· Intervenire in regime di sussidiarietà sugli istituti tecnologicamente deficitari per ridurre il digital
divide e poter fornire gli strumenti per progettare un’offerta formativa secondo standard europei

· Diffondere ICT nelle scuole

· Applicazione delle nuove tecnologie e della metodologia relativa alle azioni didattiche

· Condivisione e collaborazione formativa docenti/alunni

· Integrazione degli alunni con bisogni formativi speciali e valorizzazione delle eccellenze

· Potenziamento della studio della lingua inglese

· Facilitare il raccordo sia interistituzionale che territoriale

· Creazione di una piattaforma per la progettazione piano dell’offerta formativa territoriale

· Progettazione di un sistema di monitoraggio continuo dei fabbisogni del territorio con produzione di report e comparazioni al fine di ottenere il miglioramento continuo secondo i criteri del sistema qualità PDCA

Il Progetto si inserisce nell'insieme di altre azioni già avviate a livello nazionale e regionale (Classe
2.0, Generazione Web), ampliandone il raggio (non solo gli istituti secondari di secondo grado),
coinvolgendo in modo trasversale, ma mirato alle esigenze specifiche, tutti gli ordini di scuola.
Il contesto territoriale:
Per mettere in evidenza i bisogni tecnologici e formativi delle scuole del territorio si è effettuata un’analisi specifica (tramite monitoraggio on-line) sullo stato di fatto delle attrezzature, della connettività e degli ambienti tecnologici-didattici. (Allegato n. 1 - Sintesi monitoraggio).

La formazione:
La formazione dei docenti è il nodo centrale di un sistema formativo integrato nel territorio, atto a consentire la sintonia con le nuove esigenze comunicative degli alunni nativi digitali e facenti parti della touch generation, nonché di permettere la creazione dei testi didattici in formato digitale.

Il centro erogatore dei servizi:
L’architettura tecnologica prevista a supporto delle azioni del progetto si basa sui servizi offerti da un server virtuale che contiene come cuore e motore inferenziale il sito di servizio e una piattaforma di e-learning open source (Moodle) atta a garantire scalabilità e flessibilità.

 

 

IL CMS
Un Content Management System, in acronimo CMS, (in italiano sistema di gestione dei contenuti), è uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando il webmaster da conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web.
Tecnicamente, un CMS è un'applicazione lato server che si appoggia su un database preesistente per lo stoccaggio dei contenuti; l'applicazione è suddivisa in due parti:

· una sezione di amministrazione (back end), che serve ad organizzare e supervisionare la
produzione dei contenuti

· una sezione applicativa (front end), che l'utente web usa per fruire dei contenuti e delle applicazioni del sito. L'amministratore del CMS gestisce dal proprio terminale, tramite un pannello di interfaccia e controllo, i contenuti da inserire o modificare.

Gli utenti, autorizzati dall’amministratore, potranno accedere alle sezioni di loro pertinenza per aggiungere e/o modificare documentazione che pubblicheranno.
Il polo tecnologico “IIS J. Monnet”, di Mariano C.se, designato dalla conferenza dei servizi, raccordandosi con l’Ust stesso e la Camera di Commercio di Como definisce il software per lo sviluppo del portale (CMS).

 

 

 

Piattaforma e_learning: Moodle
Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle scuole ma anche in ambito aziendale.
Dai dati dell'Osservatorio e-learning 2011 risulta che Moodle è attualmente la piattaforma LMS più utilizzata nella Pubblica Amministrazione italiana. Anche consultando l'elenco dei siti registrati che utilizzano Moodle ci si rende conto del livello di diffusione che ha attualmente questo ambiente di apprendimento. Moodle è quindi una valida alternativa alle soluzioni di tipo proprietario per la formazione on-line ed è distribuito gratuitamente sotto la licenza GNU/PCL.
Uno dei maggiori pregi di Moodle è l'impostazione modulare che permette una gestione dei corsi molto semplice e una curva di apprendimento da parte degli utenti (sia docenti che studenti) estremamente "dolce"; un docente con poco sforzo può realizzare un corso basato su Moodle e, all'occorrenza, può estenderne le funzionalità senza doversi preoccupare degli aspetti tecnici ma potendosi concentrare solo sull'attività didattica vera e propria.
Tra le numerose attività che possono supportare il docente nella erogazione di un corso ci sono il wiki, il workshop, i quiz di vario tipo oltre a tutta una serie di strumenti per la comunicazione sincrona (chat, messaggistica interna) e asincrona (forum, mailing-list, calendario degli eventi).
Un altro dei grandi pregi di Moodle è l’estesa comunità mondiale di utenti che offre un costante e gratuito supporto ai neofiti oltre a preoccuparsi di tradurre il software e la documentazione in varie lingue.
La Legge 9 gennaio 2004, n. 4 ha dato disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici anche con l’ausilio delle piattaforme di e-learning. Data la peculiarità di tale contesto applicativo è stato istituito presso il CNIPA un gruppo di lavoro incaricato di pubblicare le linee guida per l’accessibilità dell’e-learning, un documento che armonizzerà i requisiti stabiliti dalla legge per i siti web allo standard internazionale SCORM.

 

 

 Formazione docenti

Il progetto si propone di implementare:

  1. la conoscenza degli strumenti tecnologici attraverso un’azione differenziata a seconda delle esigenze e delle capacità dei discenti
  2. la metodologia didattica attraverso diversi strumenti di formazione ( e-learning - frontale - mista)

Fruitori:
scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado.

 

 

Educazione dei giovani ad un uso critico e positivo della tecnologia

Il progetto si propone di contribuire allo sviluppo della crescita delle nuove generazioni attraverso percorsi che si affiancano ai modelli didattici tradizionali offrendo un'opportunità di apprendimento meno formale e che provi a rispondere alle potenzialità di ciascuno.
A questo proposito si propone di implementare:

  1. la conoscenza degli strumenti tecnologici attraverso un'azione differenziata a seconda delle esigenze e delle capacità dei discenti;
  2. la metodologia didattica attraverso diversi strumenti di formazione ( e-learning, frontale, mista);


Fruitori: scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado.

 

 

Scuola & Expo2015

In vista di EXPO2015 si sono intraprese varie azioni e progettualità sul territorio, con questa collaborazione le parti intendono darsi l'opportunità di concordare temi coerenti con il progetto EXPO2015. Gli obiettivi di questa collaborazione consentiranno:

  1. la definizione di un portfolio sempre più completo delle opportunità di attività didattiche sviluppate nel territorio riferite ad EXPO2015;
  2. l'approfondimento più strutturato e complementare di temi diversi derivati da EXPO2015 e calati nel nostro territorio;
  3. la presentazione dell'evento EXPO Milano a tutte le fasce scolastiche.
TouchSchool